CBD Oil: dosaggio, utilizzi, effetti e prezzi dell’olio CBD

31/08/2018

L’olio di CBD – chiamato anche comunemente CBD oil – è uno dei cannabinoidi presenti naturalmente all’interno delle piante di Cannabis. È un metabolita è assolutamente legale, ha concentrazioni irrilevanti di THC, ovvero il componente cannabinoide psicoattivo la cui concentrazione per legge deve essere al di sotto dello 0,2%, ed è caratterizzato da numerosi effetti benefici sulla salute umana.

Olio di CBD: a cosa serve?

L’olio di CBD è usato in maniera sempre più diffusa – sia in Italia che all’estero - come integratore alimentare, sia per contrastare l’effetto e i sintomi di alcune patologie, sia per migliorare il benessere della persona e per rafforzarne il sistema immunitario. Naturalmente, come è possibile immaginare, l’olio di CBD – come qualsiasi altro prodotto naturale – non può in alcun modo sostituirsi ai medicinali tradizionali regolarmente prescritti dagli specialisti per il trattamento delle varie patologie – tuttavia può essere uno strumento a supporto e a sostegno della cura, soprattutto nei casi di ansia e depressione, insonnia, infiammazioni e dolore cronico, vomito e convulsioni, spasmi e anche dolori muscolari. Non a caso, viene utilizzato come coadiuvante per il recupero dopo un periodo di stress fisico e psicologico, perché aiuta la comunicazione tra le cellule del corpo migliorando il metabolismo e - più in generale - le condizioni di salute.
L’olio CBD è esternamente sicuro e ben tollerato dall’organismo umano, a patto che le piante di canapa da cui viene estratto siano coltivate nel rispetto di alcuni principi e seguendo determinati requisiti, ad esempio senza pesticidi, fungicidi ed erbicidi e privi di qualsiasi inquinante, che potrebbe essere estremamente nocivo per la salute umana.

CBD Oil: dosaggio, utilizzi, effetti e prezzi dell’olio CBD

CDB Oil: gli effetti

Ad oggi, grazie ai numerosi studi scientifici che hanno evidenziato i benefici e gli effetti positivi dell’olio di CBD sull’organismo umano (qui puoi consultare la fonte originale che parla dello studio più importante in lingua inglese), sono davvero numerosi gli ambiti di applicazione e di utilizzo di questo prodotto. L’olio di CBD, infatti, viene sempre più spesso utilizzato per i suoi effetti positivi contro i sintomi e le conseguenze nefaste del diabete, la sclerosi multipla, l’epilessia (in particolare quella infantile) e del morbo di Parkinson. In breve, il CBD oil non combatte direttamente la malattia, ma aiuta ad alleviarne le conseguenze. Inoltre, grazie ai suoi numerosi effetti positivi, è utilizzato anche per ridurre gli effetti indesiderati di moltissimi medicinali, come il senso di nausea e l’inappetenza dato dalle cure chemioterapiche e anche da alcuni medicinali retrovirali.
Qualora si dovesse assumere per errore una quantità eccessiva di olio di CBD, si potrebbe incorrere in uno stato di sonnolenza, per questo è fondamentale aumentare il dosaggio gradualmente fino ad ottenere i risultati desiderati e – in ogni caso – evitare di mettersi alla guida o utilizzare macchine pesante o complesse subito dopo averlo assunto.

Dosaggio del CDB Oil: quante gocce?

L’olio di CBD è il prodotto e la forma ideale per poter assumere questo prezioso cannabidiolo: a differenza dei cibi e di altri prodotti contenenti questo metabolita, l’olio somministrato per via sublinguale consente di ottenere effetti e benefici immediati già dopo qualche minuto (dai 5 ai 15) dall’assunzione. Questo perché il CBD contenuto nell’olio è immediatamente e direttamente assorbito dal tessuto sublinguale e, quindi, dal flusso sanguigno, anche se per alcuni potrebbe risultare poco gradevole per via dell’aroma amarognolo.

Quante gocce di olio CBD è necessario assumere per ottenere benefici?

Molto dipende dalla concentrazione dell’olio, ma anche – naturalmente – dal soggetto: ogni persona reagisce in modo diverso, pertanto è consigliabile iniziare con una dose e testarla per un periodo, per poi eventualmente aumentarla e valutare di nuovo fino a raggiungere gli effetti desiderati.
Facciamo qualche esempio pratico e vediamo il dosaggio consigliato per iniziare: considerando un olio CBD caratterizzato da una contrazione media (ad esempio il 5%-10%), si può iniziare con 3-4 gocce al giorno per almeno 15 giorni e – dopo questo periodo - aumentare eventualmente le sessioni di somministrazione, passando a 3-4 gocce al mattino e 3-5 gocce la sera. Questa dose è consigliata qualora si abbiano lievi dolori, problemi di digestione e sensazione di stanchezza.
Qualora, invece, le problematiche siano più consistenti, come stress, profonda stanchezza e stati di ansia, è possibile iniziare con 5 gocce la mattina e 5 gocce la sera – o in alternativa 10 gocce la sera – per un periodo di due settimane ed eventualmente aumentare leggermente la dose qualora non si raggiungano gli effetti desiderati.
Il dosaggio dell’olio di CBD dipende, in sostanza, dal tipo di patologia di cui si soffre – e soprattutto dai relativi sintomi – e dalle reazioni dell’individuo, pertanto il numero di gocce va testato e modificato di volta in volta.
In linea generale, la dose raccomandata è di 10 gocce al giorno per i sintomi di media entità e 15 gocce circa al giorno per i sintomi più importanti.
L’unico comune denominatore da considerare sempre è la costanza: una volta iniziata l’assunzione del CBD oil, è fondamentale proseguire per alcune settimane, prima di valutare l’efficacia della dose scelta, anche perché è uno di quei prodotti che necessita di tempo prima di dare il massimo effetto.

Olio CBD: i prezzi

I prezzi dell’olio CBD variano naturalmente a seconda dei marchi, delle case produttrici, della quantità e della concentrazione di olio contenuta nella confezione; tuttavia, occorre diffidare dagli oli che costano troppo poco (e molto meno degli altri presenti in commercio), perché potrebbero essere prodotti all’estero, senza rispettare alcune regole fondamentali per la sicurezza dei consumatori, oppure potrebbero non essere puri.

Vuoi sapere quanto costa l’olio CBD? Contatta il nostro staff!